LA BILE DI GRAVIDE: CAINO E ADELE

b6355d462e356a4b30dc1e0bbe98516d


Quello di oggi sarà un articolo un po’ diverso dal solito.
No, non fatto bene, accattivante, completo e scorrevole; solo più Vittoriano.
In che senso? Nella misura in cui ci sarà un’accozzaglia di frecciatine ambigue, spari nel mucchio e probabilmente paragoni ovini con i quali Sgarbi ci ha insegnato ad amare.

Come molti di voi sapranno, anche solo per social-osmosi, la cantante pop Adele ha annunciato il suo prossimo tour Adele Live 2016 (ecco cosa succede a preferire la sopressata alla creatività) a ben 4 anni di distanza dal precedente, che includerà anche due date italiane il 28 ed il 29 maggio all’Arena di Verona.
Fin qui sarebbe bastato il solito “frega ‘n cazzo” di rito, se non fosse per l’inguaribile abitudine tricolore a farsi riconoscere ovunque in maniera inopportuna e manco troppo originale. Stavolta il bersaglio di cotanta genialità è la tristezza cronica che trasuda dai pori della cantante inglese. Ne consegue che l’evento fb della sua tappa italiana venga letteralmente preso d’assalto da haterz di ventura in cerca di facile gloria e dal loro “sarcasmo” di tendenza.


 

CHEPPALLE.


Voglio dire: ci sta fare la battutina, specie se si tratta di un’obesa che parla di amori perduti (sepolti probabilmente nel suo ombelico), ma se anche questo deve diventare una sfida a chi piglia più like…tanto vale far vedere un po’ di bocce.
Al momento invece sembra che l’ambizione massima sia finire sulla home di ”Commenti Memorabili”, una pagina sicuramente carina e divertente, che però suo malgrado ha dato il la ad un’escalation di stucchevole ironia da due soldi, con relativa “sindrome del cabarettista che deve farsene una ragione”.
Va bene, è una cantante pingue ed emotiva che a casa avrà una piscina olimpionica piena di gelato per i suoi giorni no, ma vorrei ricordare a tutti che NOI siamo quelli che organizzano flash mob per invitare i Foo Fighters a suonare, che impazziscono per la suoneria della Rana Pazza o che non sono nemmeno in grado di battere le mani ad un concerto sul 2 e sul 4. Capirete che potrà sembrare un poco azzardato fare i Morgan della situazione (specie senza una betoniera di coca in corpo).

Poi ovviamente de gustibus, Adele può benissimo non piacere, specie agli individui poco avvezzi al Feeding e ad altri feticismi oversized ma:
1. Rimane una delle poche a non cantare in playback
2. Rimane vestita
3. “Oddio mi hai lasciato” > “Scuoto scuoto il culo”
4. Capre dementi il nostro emo-background è composto da Negramaro, Zero Assoluto e Tiromancino.

Per cui stop con sta frenesia di cagare il cazzo ad ogni ora, ci bastano l’ebola e la condom challenge (buon Dio, ma dove finiremo?).

Fatevi una risata, e mettete Adele come sottofondo al vostro post-orgasmo da BBW online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *