LA BILE DI GRAVIDE: ORGASMATRON

29-lemmy-1.w750.h560.2x


Ecco che, con il consueto ed inconfondibile ritardo (mentale), anche l’Insicuro accorre per riempirsi la bocca della morte di Lemmy Kilmister; deceduto suo malgrado nella giornata di ieri (Lunedì, 28 dicembre 2015) a causa di un cancro al cervello aggressivo come il pubblico di Forum.
A differenza di Scott Weiland, scomparso qualche settimana fa, almeno qui non piagnucoleremo blaterando di talento sprecato e stereotipi simili, trattandosi di un 70enne bruciatissimo che ha avuto il merito e la fortuna di andarsene lasciando una titanica eredità musicale.

A dirla tutta poi non siamo qui nemmeno per celebrare questa icona del Rock snocciolando dati, aneddoti e citazioni, per questo ci sono Wikipedia e gli intramontabili TRUEMETALLERSANGUEVIOLENZA. L’Insicuro invece dedica l’odierno epitaffio a due elementi fondamentali -ed al contempo sinistri- che hanno accompagnato Mr. Kilmister durante tutta la sua vita, contribuendo in maniera determinante alla sua ascesa nell’Olimpo della musica: Ian e Fraser Kilmister.
Questi sono infatti i fratelli minori del musicista, residenti in pianta stabile sotto il suo zigomo sinistro, con il quale hanno diviso gioie e dolori (ma soprattutto un sacco di figa e verdoni), senza mai mollare.

Si dice spesso che dietro ad un grande uomo ci sia una grande donna ma a noi oggi si palesa l’eccezione che conferma la regola suggerendoci che talvolta, sulla faccia di un grande uomo, ci possono essere bubboni grandi come i capezzoli di vostra nonna!
Chiamateli nei, chiamatele cisti, ma questi due ributtanti M&M’s carnosi hanno creato un mito!
Hendrix aveva gli acidi, Michael Jackson i palloncini e i tricicli, Elvis la musica di un’intera minoranza etnica…ebbene, Lemmy lungo la tortuosa e scellerata via del successo ha avuto i propri fratelli minori a motivarlo e a renderlo una crudele macchina da guerra alimentata ad alcol e sigarette.
I rapporti non furono sempre idilliaci però nel piccolo ecosistema facciale di casa, difatti Lemmy -agli albori della sua carriera- cercò addirittura di sedare Ian e Fraser accettando di suonare in un gruppo di fattoni psichedelici (gli Hawkwind) pur di sentirsi finalmente libero ed indipendente. Il tentativo non solo fallì, ma costò al nostro bassista anche il posto nella band!
Da allora, spaventati ed offesi, i due gemelli iniziarono ad imporre la propria egemonia in maniera sempre più opprimente, portando il loro simbionte a fare cose inaudite nel corso di questi ultimi decenni, sfruttando anche il successo planetario del suo gruppo storico: i Motorhead.

Dapprima iniziarono con i repentini cambi di line-up, poi con le influenze thrash metal per poi finire in tragedia creando canzoni appositamente –APPOSITAMENTE– per la WWE e per il wrestler Triple H, pappa e ciccia con i due diglett facciali. In tutto questo, il loro fratellino, ormai mostro sacro di Rock e Metal, ha sempre cercato di combattere strenuamente contro le nemesi fraterne a suon di sbronze selvagge e droga, fallendo però in maniera sistematica.
Gli unici momenti di idillio familiare erano scanditi quindi dall’ansimare di interi vagoni di patata che puntualmente venivano recapitati a domicilio, pensiero fisso dei tre fratelli, in barba a fama, soldi e musica.( Se quei brufoli potessero parlare…altro che de la Uterina Manipulationae! )
Non a caso la rivista Maxim elesse Lemmy nel 2006 tra le “10 leggende viventi del sesso”.
Si dice anche che il celebre truccatore di Jennifer Lopez (quello che prima dei video le indurisce i capezzoli con del ghiaccio, per capirci) abbia collaborato in innumerevoli occasioni anche con i Kilmister.


Purtroppo alla lunga tale conflitto è risultato ingestibile dal frontman dei Motorhead e così, dopo aver già dato forfait in diverse occasioni nell’ultimo tour della band (che avrebbe persino toccato l’Italia), il 26 dicembre 2015 gli viene diagnosticato un cancro che lo trascinerà nella tomba nel giro di pochi giorni, nella disperazione generale, assieme ai suoi terribili fratelli.

E’ un articolo di merda lo so, ma la gente muore, che vi devo dire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *