LE RECENSIONI DI GRAVIDE: GIAPPICORE

tumblr_lx2uq2ZFlx1r8nye4o1_500


Internet si sa, è una fucina inesauribile di pornografia, slogan populisti, torture grammaticali e minchiate varie. Il caso vuole però che saltuariamente escano da questo frullatore sociale delle chicche veramente interessanti, provenienti da qualsiasi angolo del globo.

Ad esempio sei lì a seguire la rapida scalata al successo di Lucia Javorčeková quando dal web ti piomba in testa la notizia che in Giappone non solo esistono gruppi Punk anni’80, ma che cantano pure in italiano.

COME, PREGO?!?

Oh sì, nella terra dei fenomeni musicali effimeri per eccellenza, dove oltre alla pedofilia latente è la moda a farla da padrona, da un bel po’ di anni c’è una forte sottocultura musicale che tiene vivo il ricordo di uno dei più importanti patrimoni culturali del Bel Paese, l’Hard Core.

Fatela finita con la musica classica, la lirica e quella merda di “Nel blu dipinto di blu”, tiriamo qualche calcio nei denti cazzo!

Girovagando alla ricerca di ulteriori informazioni mi sono imbattuto in diversi articoli -complimenti a quelli di VICE, altro che L’Insicuro- che mostravano i maggiori esponenti di questo nobile movimento nipponico. I vari Isterismo, Tantrum e Tomorrow (no, niente Glandine, sono deluso quanto voi) nonostante la pronuncia discutibile di una sintassi traballante (ma tanto sfido a distinguere le parole), pare proprio ce la mettano tutta per far rivivere la Golden Age dell’HC italiano; riscuotendo un successo che va ben oltre i confini nazionali!

Proprio gli Isterismo sono la band più prolifica del settore, disponendo addirittura di una farcitissima compilation dei loro pezzi, che è l’essenza di ciò di cui stiamo parlando: “Cosa che noi immagine e un puro impulso e caos Tutte le ragioni divenute inisgnificante”.

Non ho resistito alla curiosità di vedere qualche loro performance live sul tubo e il risultato è fedelissimo all’originale: individui pallidi e glabri che urlano il loro odio in modo incomprensibile e caotico, mentre le chitarre corrodono timpani nel raggio di un paio di chilometri!

Tutto perfetto.


Per cui mentre noi ci riempiano la bocca per altre imitazioni grossolane, come le torte mastice e diabete di Buddy e la pizza con l’ananas -a cui sarà a breve dedicato un girone dell’Inferno-, i punx del sol levante vengono invitati a festival di tutto il mondo ricordando a molti per cosa sia famoso lo Stivale.

Pizza, mandolino, Nerorgasmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *