USCITE AVVUOTO: MANCIO, BALO E CR7, MA L’INSICURO E’ TOUPALIK



Il momento non è dei migliori per Roberto Mancini, bersaglio preferito della più recente critica sportiva. La sua Inter dopo lo strepitoso avvio di stagione sta lasciando punti per strada su tutti i campi e le perentorie sconfitte per 3 a 0 contro le rivali storiche di Juve e Milan non aiutano a ritrovare sicurezze in un ambiente che quando non si vince diventa più caldo del Pineta di Milano Marittima quando arriva Bobo Vieri.

Il Mancio però è tipo che non si scompone, con l’impeccabile look a base di ciuffo e sciarpina ha spesso dimostrato di saper tenere a bada lo spogliatoio-polveriera interista e soprattutto di sopportare l’altissima pressione mediatica, per questo stupisce la doppia uscita avvuoto nel post derby di domenica, con il dito medio rivolto ai tifosi avversari e le risposte sopra le righe nell’intervista a Mikaela Calcagno in Paparesta.

Se il gesto dell’ombrello del milanista Salvini in tribuna può essere infatti interpretato come un sintomo di ordinaria insicurezza politica, il dito medio del Mancio sembra invece testimoniare che il livello di guardia dell’insicurezza in casa Inter nell’ultimo periodo è stato ampiamente superato.

FOTO MANCIO


Autore di una splendida tripletta domenica sera contro l’Espanyol, Cristiano Ronaldo pare non aver accusato insicurezza alcuna neppure dopo che un irritato Florentino Perez, presidente del Real Madrid, gli ha vietato le trasferte giornaliere in Marocco. Il fuoriclasse portoghese infatti dal lunedì al giovedì, dopo l’allenamento, era solito salire sul suo jet privato e volare oltre lo stretto di Gibilterra per andare a trovare il suo migliore amico, il kickboxer marocchino Badr Hari, per poi rientrare a Madrid in nottata.

La cosa però non è andata giù al presidentissimo dei blancos, preoccupato sia dai troppi rumors che vedono nell’assidua frequentazione qualcosa di più di un’amicizia, sia dalla forma fisica di CR7, che alla lunga potrebbe soffrire i continui spostamenti. Se la grande prestazione di domenica pare però smentire quest’ultimo timore, per superare il primo alla coppia è consigliato l’utilizzo di Skype, elemento base di ogni relazione a distanza.

FOTO CR7


Mario Balotelli, rientrato da poco dopo la lunga convalescenza dalla pubalgia, non riesce trovare la migliore condizione per entrare negli schemi di gioco del Milan, collezionando brutte prestazioni, cartellini gialli e di conseguenza bocciature nette da parte di mister Mihajlovic.

Ma se le uscite avvuoto di SuperMario sui campi della Serie A assomigliano più a delle scampagnate domenicali, vale sempre la pena seguirlo sui suoi profili social, dove martedì, annunciando appunto la sua prossima gita a Palermo che tra l’altro è città dove è nato, ha postato una foto di Cefalù. Non fate i precisini però, come lo stesso Balo ha poi scritto correggendo il post, Cefalù o Palermo “sempre Sicilia è”.

FOTO BALOTELLI


Ma il vero insicuro sportivo della settimana è il semisconosciuto ciclista ceco Adam Toupalik, che, tagliando il traguardo del mondiale di ciclocross under 23 di Zolder sbaglia a fare i conti, non si accorge che manca ancora un giro all’arrivo e si lascia andare a sfrenate esultanze. Come da copione verrà superato negli ultimi chilometri e sarà costretto ad accontentarsi del secondo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *