PONTE POETICO – «Todo/qué int» di Giancarlo Cinini

 


[Tra le rive dell’
Insicuro e quelle del Trento Poetry Slam è stato gettato un Ponte poetico. In questa rubrica vengono pubblicati i testi dei poeti che partecipano al poetry slam e di quelli che avrebbero voluto partecipare. ] 


«Todo/qué int»
Giancarlo Cinini

 

Todo çentrèu
qué int el lenguàs
a ripitìs de scordàs:
sta müsiq che ‘m sa figa nel servèu


Scierscià de mescià

pensà e vomità-s
le passé ‘l è pa sec

‘ndormentàs col Xanax


Por la calle, ch’il sa còpes

Por la calle, ch’il sa scùes

I se scundésen de lur
I van all’alentùr


«A fé la spèisa gh’è mina pü gost
an j è brisa caséra, c’est l’otomasiòun,
Monsciü, d’incó anc i computer
ils an de fa finta
d’ n’ayer vessüd ad noia»
al dis al vecc, que non je pias los negres
“And nobody over 65 should be allowed to vote”


Na singana l’am demand dané

fa-mi plesì, damenamonéta

me malouramèn

no j o nò j o nò j o nò

se non per il cinema li ho

Uagliò famme na pizza

con poca mozzarella
che tant ‘l è finta


«Ades al mör me nono
che non ho mai conosciuto parlante Aveva l’ictus.
In lui cos’era il linguaggio
forse una casa crollatagli addosso Ma, quando seduto per strada,
dal marciapiede salutava gente
con la metà buona del suo corpo»


(Tutto centrato/ qui nel linguaggio/ a ripetersi di scordarsi:/ questa musica che mi si ficca nel cervello

Cercare di mischiare/ pensare e vomitar-si/ il passato è pane secco/ addormentarsi con lo Xanax

Per la via, che s’ammazzino/ per la via, che si scopino/ si nascondono da loro/ girano tutt’attorno

«A fare la spesa non c’è più gusto/ non c’è cassiera, c’è l’automazione,/ Signore, oggi anche i computer/ devono far finta/ di non aver vissuto di noia»/ dice il vecchio, che non ci piacciono i negri/ “and nobody over 65 should be allowed to vote”

‘Na zingara mi chiede soldi/ fammi il piacere, damenamonéta/ io sfortunatamente/ non li ho non li ho non li ho/ se non per il cinema li ho/ Uagliò, fammi ‘na pizza/ con poca mozzarella/ che tanto è finta

«Adesso muore mio nonno/ che non ho mai conosciuto parlante/ Aveva l’ictus./ In lui cos’era il linguaggio/ forse una casa crollatagli addosso/ Ma, quando seduto per strada,/ dal marciapiede salutava gente/ con la metà buona del suo corpo»)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *