DE LA UTERINA MANIPULATIONAE: RIPUDIARE I DOGMI

s640x480


Scrivere di etica è già di per sé una cosa azzardata ed insidiosa, figuriamoci quando nel frattempo si stanno tenendo lezioni per corrispondenza di stalking seriale e furto di intimo. Quindi prendete questo capitolo del saggio più in voga tra i giocatori professionisti di Magic come un semplice consiglio, senza la supponenza del cugino alpha che te la deve menare con la storia che lui impallina tutte quelle della sua classe senza pietà (grazie al cazzo, sei l’unico maggiorenne e con la patente alle medie)!
Vabbè, veniamo al dunque.
Il suggerimento che vi darò quest’oggi riguarda i pregiudizi che ogni mandrillo in cattività è solito avere di default e che, a mio modesto (ma nemmeno troppo) parere, rischiano di compromettere l’esplorazione e la manipulationae del mondo esterno, quello vaginodotato.

Ripudiate perciò:

  •  Il razzismo: sì abbiamo tutti paura di essere contagiati dalla malaria padana o dalla sifilide lagunare veneziana, ma questo deve essere solo un monito a favore del sesso protetto (a breve i condom de L’Insicuro) e nient’altro. Perché ricordate sempre che culture diverse = perversioni diverse. Frequentavo una turca di nome G, proveniente da una famiglia molto rigida di quelle che ti vorrebbero far uscire il meno possibile -solo con amiche femmine- e all’unica condizione di nasconderti sotto una coltre spessissima di abiti (una famiglia un po’ terrona insomma). Il risultato? Arrivava al parco vestita di tutto punto, si spogliava completamente (Cristo, completamente) per poi vestirsi da cagna da guerra e darci sotto con la prova orale. Tralasciando i grugniti in fase limonata, il fatto che si staccasse per ruttare ed i suoi umori fonzies-flavour (non necessariamente dei difetti, sia chiaro) rimane il fatto che da famiglie rigide o semplicemente con abitudini diverse dal contesto che le circondano, quasi sempre provengono generazioni di bulimiche falliche sprezzanti d’ogni pericolo.
  • I limiti d’età: vediamo di essere chiari perché sennò il parapiglia è dietro l’angolo e già mi immagino Cangrande costretto a spiegare i suoi intenti innocenti a Quinta Colonna, sotto lo sguardo stolto e sentenzioso di Del Debbio. Rispettate innanzitutto la legge – redazione tutta avvisata- e siate sempre informati sulle regole vigenti nel Paese in cui vi ritrovate a sfilare mutandine, però poi fino ai 55 lasciate aperta la porta del cuore. Milf, Mature, Cougar, Granny…fino all’obitorio sono tutte abili e arruolabili e con un bagaglio di esperienza mica da ridere (poi volete mettere il morbido massaggio gengivale che possono offrire alle parti più peccaminose del vostro corpo?!).
  •  Le convenzioni sociali: chi ha detto che non ci possono arrapare le senza tetto, le galeotte o quelle a cui manca una gamba? Nessuno! Su questo il mondo femminile è molto avanti, in quanto la sindrome da crocerossina la fa da padrona e rimane uno degli appigli più sicuri che questo mondo infame ha da offrirci. Ragion per cui se anche voi avete la vostra S, che strafatta di coca spacca la faccia alla troietta di turno che ci prova con il suo ragazzo (e badate bene, voi siete l’amante NON il ragazzo in questione), non lasciatevi turbare e continuate a godere della sua “vivacità” straripante -ed S amici miei straripava veramente tanto-.

In linea di massima perciò, ripudiate qualsiasi para mentale che come unico obiettivo abbia quello di reprimervi, frustrarvi o farvi sentire sbagliati. Perché sì, tesorini miei, voi valete <3.

Magari no, e siete delle merde, ma comunque persino voi meritate degli scampoli di entusiasmo erotico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *