DE LA UTERINA MANIPULATIONE: ASSIMILARE I SUOI STRUMENTI

00583010_001


L’ultima volta si è a lungo disquisito sui metodi per tentare un approccio mediatico con il sesso opposto, ripercorrendo le varie tappe della pubertà multimediale. Ma se dovessimo davvero arrivare al tanto agognato arrembaggio genitale? Il passaggio dalle parole ai fatti dovrebbe poggiare su solide realtà (Roberto Carlino is the new Rocco Siffredi).

Come ottenerle? E che cazzo ne so, chiedete a Dan Bilzerian.

Nel caso in cui però voleste delle illusioni pronte all’uso, ecco che questo capitolo sull’assimilazione dei suoi strumenti (no, non quelli dai colori shocking, che vibrano a frequenze strabilianti) è pronto a venire in vostro soccorso.

Farsi un’idea dell’anatomia:
Si sa, in giro ormai si vedono più vulve che pakistani con le rose, ma non può certo essere una scusa per smettere di studiare l’anatomia ed i suoi segreti. Non è che Kenshiro abbia fatto successo accontentandosi solo di rompere le noci coi bicipiti eh!
Per cui anche a voi è richiesta la massima dedizione, certo vi pregherei di essere meno zelanti di Pacciani ed i suoi Compagni di merende, ma comunque non meno costanti.
Scoprire, affinare e modificare le tecniche per un sereno approccio alla vita non è solo il segreto del Wing Chun, ma anche quello di “Esplorando il corpo umano”.

Sotto con lo studio.

Il ruolo della letteratura Harmony:
Wikipedia è una fonte più che attendibile, un esauriente contenitore di dati ed informazioni che sulla carta bastano e avanzano. E’ altrettanto vero però, che difficilmente ad una ragazza interesserà l’elenco in ordine alfabetico delle varie parti che sapientemente si uniscono a formare il suo sesso…ed ammesso che le importi, difficilmente troverà la questione eccitante.
Un modo stranamente efficace per sopperire alla mancanza di Pathos dei vari testi scientifici è farsi una cultura parallela con i libri Harmony, che nonostante possano sembrare qualcosa di desueto e vergognosamente bizzarro, inizieranno a darvi una vaga idea di tutti quei trip instabili -che passano in mezzo secondo da crisi di pianto ad orgasmi multipli- monopolio dell’universo femminile (e dei fan dei Guns n’ Roses).

N.B. E’ sempre efficace affiancare a questo percorso un consistente aiuto filologico all’interno di forum intrisi di Buscofen e progesterone, sulla falsa riga di “al Femminile”, utili anche per sedute autoerotiche più kinky e cerebrali.

L’importanza della filmografia femminista:
Se il paragrafo precedente ero volto all’acquisizione di una forma mentis particolare, questo si concentra più sull’aspetto pratico dei medesimi frangenti. Per essere più precisi, film, serie TV e porno “femministi” raffigureranno -magari in modo meno bucolico e naif- tutte quelle situazioni messe su carta nei romanzi rosa.
Questo è un punto importante, in quanto può tornarci utile per appianare una delle più grandi differenze tra uomo e donna che io abbia potuto riscontrare nella mia carriera da esibizionista mancato: circostanza vs sostanza.

Perché, diciamocelo, sarebbe OVVIAMENTE troppo facile se entrambi i sessi volessero soltanto accoppiarsi come bonobo di fronte ad un banchetto…eh no! Qui ci vuole il contesto, il sottofondo, i petali di rosa, i trascorsi torbidi, i marò, la catarsi…tutte cose che ahimè non troverete nei vostri boxer.
Per ovviare al problema vi toccherà sorbire, speriamo a piccole dosi, pellicole vomitevolmente smancerotiche come “The Dreamers” (un film che riesce a risultare palloso e nauseabondo nonostante ruoti attorno ad una threesome incestuosa, FIGURATEVI).

Non fasciatevi la testa prima del tempo però, un compromesso pelvico si trova più spesso di quanto pensiate! Alla fin fine la pratica della fellatio di S nei parchi pubblici oppure il petting estremo in combo (L+V) all’interno di un grarage buio e polveroso, sono argomenti che la nostra mano destra conosce fin troppo bene!

Quando perdi, non perdere la lezione:
Arriviamo forse al punto focale di questo ambito uterino. Nonostante mi dispiaccia stuprare uno dei proverbi preferiti di mia madre (ciao mamma), è importante tenerlo semrpe bene a mente.
Come l’abilità linguistica (cunilingus compreso) si incrementa solo vivendo in un paese estero, così la conoscenza del corpo femminile può crescere solo grazie alla pratica e agli errori -talvolta madornali– legati ad essa!
Dunque non siate timidi, sfruttate ogni occasione per molestare di sfuggita le vostre cugine più grandi. Se non altro darete un senso ai pranzi di famiglia e alle festività natalizie.

Alla prossima puntata, che ora non ho voglia di cercare come si intitoli.
Baci baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *