Dietro ogni azienda di successo c’è una storia meno raccontata. C’è una scia di centinaia di piccole acquisizioni fatte dal punto in cui l’attività è stata avviata fino ad ora.

Sulla via del successo, le potenti aziende divorano le start-up: aziende che completano il loro prodotto o servizio principale, rappresentano un grande investimento o competono con loro. Non puoi mai imparare il nome della startup, tuttavia, i loro fondatori potrebbero anche non finire mai alla Borsa di New York.

Per gli imprenditori là fuori, la vendita dell’azienda e l’acquisizione possono rappresentare una solida strategia aziendale.

Essere acquisiti può essere un ottimo modo per uscire, oltre a guadagnare liquidità. Inoltre, libererai energia e tempo e sarai pronto per le future iniziative. Ma questo è anche un processo complicato e comporta molte insidie. Per alcune aziende, non è la soluzione migliore.

Ecco un paio di lezioni da tenere a mente sul processo di acquisizione.

  1. Sei pronto a vendere la tua azienda?

Sei un imprenditore. Hai investito tempo, denaro, sangue, sudore e lacrime nella costruzione della tua compagnia. Vuoi vedere la tua attività svilupparsi e crescere o sei pronto a fare qualcos’altro nella tua vita?

È una decisione difficile, lo so.

Per alcuni imprenditori, c’è questo punto quando hai appena finito di gestire un’azienda e avere così tante responsabilità. Se questo è il tuo caso, è il momento perfetto per vendere la tua azienda e uscire. Tuttavia, se ami ancora quello che fai e provi gioia nel gestire il tuo personale e gestire decisioni importanti, non è il momento giusto.

Oltre alle tue esigenze personali, c’è anche il mercato da considerare. È necessario essere consapevoli delle tendenze e dei consolidamenti in corso sul mercato. Non sai mai, i tuoi concorrenti potrebbero preparare il terreno per qualcosa di nuovo.

Heartland, ad esempio, è una società enorme e potente che acquista studi dentistici. Le aziende che non sono state acquisite avranno difficoltà a competere.

Digital Marketing

  1. Crea la tua squadra dei sogni (e assicurati che sappiano esattamente cosa stanno facendo)

Se vuoi ottenere un valore equo per la tua azienda, consulta i professionisti.

Ammettiamolo: molti imprenditori non sanno come vendere un’azienda. Questo è il tuo bambino e se paghi un centesimo, lo pagherai a lungo termine.

Affidarsi al proprio avvocato di famiglia non è intelligente. Se hanno familiarità con la tua nicchia o settore di attività, potresti chiedergli un consiglio, il tuo contabile potrebbe fare un ottimo lavoro, tuttavia, potrebbe non avere esperienza nel negoziare una vendita di svariati milioni di dollari.

La cosa migliore che puoi fare è assumere specifiche fusioni e acquisizioni specializzate in transazioni aziendali. Questi esperti non solo terranno sotto controllo le cose, ma avranno anche un elenco di acquirenti che potrebbero essere interessati alla tua attività. Di solito, questi broker lavorano su una base di commissione, il che significa che non sarai esagerato per la loro esperienza professionale.

  1. Ottieni il miglior valore

Se hai deciso che l’acquisizione è la cosa migliore per la tua azienda, la prossima mossa è pianificare in anticipo con un’acquisizione in mente.

Devi posizionare attivamente la tua attività per colmare un buco nel mercato e attirare potenziali investitori. Questa strategia può raccogliere grandi dividendi.

Sapevi che il valore delle fusioni e acquisizioni internazionali ha raggiunto i $ 3,9 trilioni nel 2018, che è stato un anno da record?

Idealmente, vuoi vendere la tua azienda in crescita e non in discesa. Le offerte degli investitori rifletteranno ciò che la tua attività potrebbe valere, piuttosto che il suo valore reale. Le stesse offerte e offerte arrivano quando gli interessi sono reciproci e allineati.

Ad esempio, l’acquirente desidera rimanere in giro dopo la vendita? Se sì, significa che l’acquirente è veramente interessato alla tua attività e si prenderà cura del tuo marchio. In caso contrario, la tua attività non è importante e ha altri piani.

  1. Controlla le tue emozioni

Quante start-up, aziende di successo e imprenditori entrano in Shark Tank presentando la loro attività e finiscono per far saltare la loro valutazione a causa delle loro emozioni?

La tua azienda è il tuo bambino. Hai lavorato così duramente per costruire un business da zero, hai selezionato con cura il tuo team, hai completato le tue responsabilità in tempo e ora devi venderlo. Non è facile, ma una volta presa la decisione, devi raccogliere le tue emozioni e procedere con una testa chiara.

Ma non tenendo le tue emozioni alla porta, il processo di acquisizione potrebbe andare storto.

Ricorda che i dati sono gentili. Informati sulle altre attività commerciali, su ciò che sta accadendo nel tuo settore e per ciò che altre aziende hanno venduto.

Gli affari dovrebbero riguardare numeri, non sentimenti.

La verità è che viviamo nell’era dell’acquisizione. Le organizzazioni di successo hanno fame di arrivare alla prossima grande novità mentre le startup hanno difficoltà a competere. Per gli imprenditori la cui felicità sta costruendo un business e non restando in giro per gestirlo o vederlo crescere, acquisirsi è un’ottima opzione.

Il miglior consiglio: fai i compiti. A volte, una piccola preparazione può fare la differenza tra partire da zero e un bel gruzzolo. Raccogli quante più informazioni possibili, confronta e decidi cosa è meglio per la tua azienda.

In bocca al lupo!

Suggerimenti su: